Archivio mensile:novembre 2016

Cosa dice il Ministero della Salute e l’OMS

La frase tratta dalla "Relazione sul tabagismo" del Ministero della Salute, che introduce le statistiche sul tabagismo, recita: “Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme.” L'epidemia del tabacco è una delle più grandi sfide della sanità pubblica della storia. L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha definito il fumo di tabacco come "la più grande minaccia per la salute nella Regione Europea". Leggi il nostro metodo per smettere

Perché fumare?

Vogliamo ancora far guadagnare governi e multinazionali alle spalle delle nostre tasche e salute? Non pensateci ancora su, smettete finalmente di fumare! immagine-da-webVi chiediamo solo di decidere, per il resto vi aiutiamo noi. Quello che un fumatore spende per smettere di fumare lo recupera in circa uno/due mesi senza fumo. Avete poi pensato al guadagno in salute? Consulta il metodologocia

Il Centro Italiano Antifumo combatte il problema della dipendenza dal fumo utilizzando un metodo molto efficace, perfezionato e consolidato in tanti anni d’attività, che prevede un checkup iniziale di 10 minuti e un trattamento fisico di elettrostimolazione auricolare per la durata complessiva di circa 50 minuti. Inoltre, è molto importante non tralasciare l’aspetto “mentale”: per alcuni giorni successivi al trattamento fisico, alcuni esercizi eseguiti tramite file audio MP3 per il rafforzamento motivazionale completano l’intero trattamento, garantendo la riuscita nello smettere di fumare. Consulta il metodo

Contattaci subito per informazioni e appuntamenti:
06-878.114.772 – n.verde 800.135502
info@fumoinfumo.it
Via Domenico Oliva, 7 – 00137 – Montesacro-Talenti

Italia prima in Europa per fumatori adolescenti

L’indagine su studenti fra 15 e 16 anni del Centro europeo per il monitoraggio della dipendenza dalle droghe. Il 21% ha consumato bionde nell’ultimo mese.

L’ITALIA è il Paese europeo dove più adolescenti fumano. Emerge da una ricerca condotta nelle scuole di 35 Paesi, tra studenti di 15-16 anni nel 2015, (di questi 24 Stati Ue). Se meno di un quarto della media del campio

Italia prima in Europa per fumatori adolescenti

ne generale (21%) può essere considerato fumatore – si legge – “l’Italia spicca per la percentuale di fumatori (37%)”. L’indagine riguarda il consumo di sigarette, alcol, droghe, e altro, ed è stata diffusa dal Centro europeo per il monitoraggio della dipendenza dalle droghe (Espad).
Segono Bulgaria e Croazia. L’Italia è seguita da Bulgaria e Croazia (33%), mentre Islanda (6%) e Norvegia (10%) hanno le percentuali più basse. L’Italia è in controtendenza anche per l’età in cui si accende la prima sigaretta. Se nei 35 Paesi la percentuale di coloro che lo fanno prima dei 13 anni è ampiamente scesa, “Cipro, Francia, Italia e Romania rappresentano un’eccezione”, evidenzia lo studio.
  Il 21% degli studenti ha fumato. In Italia il 21% degli studenti ha fumato sigarette nell’ultimo mese prima dell’intervista, quasi il doppio della media dei 35 Paesi (12%). Lo stesso è avvenuto in Bulgaria (25%) e Croazia (23%).
Cannabis. E sebbene la Repubblica Ceca risulti il Paese con più adolescenti che consumano cannabis (37%) anche in Italia il fenomeno è diffuso – rivelano le tabelle – ben al di sopra della media. Guardando ad esempio a quanti hanno consumato cannabis ‘negli ultimi trenta giorni’, vediamo che la media nei 35 Paesi è del 7%, mentre in Francia è del 17%, in Italia del 15% e nella Repubblica Ceca del 13%.
I dati. Inoltre, se la media degli adolescenti negli ultimi 12 mesi ha consumato cannabis 8,9 volte, quelli islandesi lo hanno fatto 14, francesi e islandesi 13, gli italiani 12. Quanto alle nuove droghe psicoattive (Nps), il loro consumo è più diffuso di quello di amfetamine, ecstasy, cocaina o Lsd. Il campione generale presenta una media del 3% tra quelli che le hanno usate negli ultimi 12 mesi. In Polonia ed in Estonia però la percentuale raddoppia (8%), seguono Bulgaria e Croazia (6%) e Irlanda e Italia (5%). Metodo per smettere

Contattaci per sapere come smettere:
06-878.114.772 – n.verde 800.135502
info@fumoinfumo.it
Via Domenico Oliva, 7 – 00137 – Montesacro-Talenti